2021 - 2022

Net-Zero Banking Alliance (NZBA)

Sul fronte degli impatti indiretti, abbiamo aderito alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), l’iniziativa promossa dalle Nazioni Unite con l’obiettivo di accelerare la transizione sostenibile del settore bancario internazionale.
L’Alleanza è promossa dalla United Nations Environment Programme Finance Initiative (UNEP FI), la sezione del Programma ONU per l'ambiente dedicata alle istituzioni finanziarie, cui Mediobanca ha aderito sottoscrivendone i Principles for Responsible Banking (PRB).

Beyond ESG & Sustainability – A new strategic direction

Abbiamo promosso l'evento “Beyond ESG & Sustainability – A new strategic direction” in modalità virtuale e dedicato all’approfondimento dei fattori ESG come driver delle strategie corporate e del mercato dei capitali. 
L’Amministratore Delegato di Mediobanca Alberto Nagel ha aperto l’evento con un approfondimento sul ruolo strategico del sistema finanziario nella transizione green e sulle iniziative implementate sino ad ora dal Gruppo Mediobanca.

MSCI alza il rating ESG di Mediobanca da BB ad A

Tale risultato conferma l’impegno di Mediobanca nelle tematiche ESG, già integrate nel Piano strategico al 2023 per il rafforzamento di un modello di business etico e responsabile e il perseguimento di un percorso di crescita sostenibile. 
MSCI ESG Rating è progettato per misurare la resilienza di un’azienda ai rischi ambientali, sociali e di governance (ESG) a lungo termine.

2020-2021

Mediobanca inclusa nel S&P Europe 350 ESG Index

La nostra inclusione nel S&P Europe 350 ESG Index è frutto del ribilanciamento dell’indice promosso da S&P Dow Jones che ogni anno seleziona le migliori emittenti in relazione ai criteri di sostenibilità, adeguatamente ponderati ai rispettivi livelli di capitalizzazione.

Mediobanca nel MIB ESG di Euronext e Borsa Italiana. Il primo indice ESG dedicato alle Blue Chip

L’indice include le migliori 40 società selezionate sulla base dei criteri ESG in linea con i principi del Global Compact delle Nazioni Unite e ponderate in base alla capitalizzazione del flottante.
La composizione dell’indice, la cui revisione ha cadenza trimestrale, si basa sull’analisi dei criteri ESG da parte di Vigeo Eiris (V.E.), società di Moody's ESG Solutions, che valuta le performance ESG degli emittenti.

Adesione Principles for Responsible Banking

Aderiamo ai Principi per l’attività bancaria responsabile (Principles for Responsible Banking - PRB dell’UNEP FI) promossi dalle Nazioni Unite con l’intento di contribuire all’orientamento del settore verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU (UN Sustainable Development Goals).

Inclusione di target ESG quantitativi nel piano di incentivazione di breve periodo per il Top Management

Rafforzata la relazione tra politica retributiva, sostenibilità aziendale e obiettivi ESG ora inclusi anche nelle scorecard di breve termine a partire dal FY22 (già presenti nel piano a lungo termine).

Mediobanca porta a oltre 3 milioni di euro l’impegno complessivo del Gruppo da inizio emergenza Covid.

Abbiamo confernato l'impegno a supportare iniziative legate alll’emergenza sociale, sanitaria ed economica causata dalla pandemia da Covid-19.

Attività di adeguamento al nuovo contesto normativo europeo ESG

Aggiornamento della Politica ESG di Gruppo

Lo spettro di applicazionie della Politica ESG è stato ampliato alla consulenza ECM/DCM/Corporate Finance ai clienti CIB (in precedenza riguardava solo prestiti e investimenti). Nuova politica sulla biodiversità e per i settori sensibili ai fattori ESG.

Green and sustainable bond framework

Abbiamo definito e implementato il nostro Green and Sustainable Bond Framework sulla cui base abbiamo portato a termine la nostra prima emissione obbligazionaria Green, destinata a investitori istituzionali, per un ammontare nominale pari a 500 milioni di Eur.

Assessment rispetto alle richieste SASB e TCFD

Abbiamo effettuato una gap analysis per rispetto alle richieste della TCFD - Task Force on Climate-related Financial Disclosures.

Quarta DCNF

2019-2020

Mediobanca diventa Carbon Neutral. Neutralizzati 5.620 tonnellate di CO2 e donati 1000 alberi

Abbiamo annunciato il raggiungimento della neutralità climatica del Gruppo grazie a un progetto finalizzato alla compensazione delle proprie emissioni di CO2 rimanenti dopo le azioni domestiche di mitigazione climatica, superando in questo modo l’obiettivo di riduzione del proprio impatto ambientale incluso nel piano strategico al 2023.

Target CSR nel Piano Strategico 2019-2023 e nel LTI del top management

Il piano strategico 2019-2023 comprende obiettivi di sostenibilità, a testimonianza dell’impegno del nostro gruppo per l’integrazione della CSR e dei criteri ESG nelle strategie industriali e finanziarie.
Gli obiettivi di sostenibilità sono stati inseriti nel piano strategico, a testimonianza del nostro impegno per l’integrazione della CSR nelle strategie industriali e finanziarie. Abbiamo definito i target con l’intento di contribuire al conseguimento di sei dei 17 macro obiettivi descritti dai Sustainable Development Goals (SDG), impegnandoci a contribuire alla generazione di un cambiamento positivo a livello globale.
L’impegno del gruppo a favore della sostenibilità si è concretizzato anche con l’integrazione di obiettivi ESG qualitativi e quantitativi nel Piano di incentivazione a lungo termine (Long Term Incentive) destinato al top management e collegato al raggiungimento degli obbiettivi prefissati nel piano strategico.

Comitato endoconsiliare di Corporate Social Responsibility

Il Comitato Corporate Social Responsibility è un comitato endoconsiliare con compiti istruttori sulle materie di sostenibilità da sottoporre all’attenzione del Consiglio di Amministrazione. Inoltre, il Comitato si occupa di validare alcuni documenti strategici di sostenibilità, quali la Politica di Gruppo in materia di CSR e la Dichiarazione di carattere Non Finanziario predisposta dal Comitato Manageriale.

Aggiornamento della Politica di Sostenibilità

Terza DCNF

2018-2019

Nuova Politica di Gruppo in materia di investimenti e finanziamenti responsabili

Prendendo le mosse dalla precedente Politica in Materia di Finanziamenti e Investimenti, la nuova Politica ESG promuove lo sviluppo sostenibile integrando criteri ESG nel modello di business del Gruppo.
La Politica ESG di Gruppo sancisce il nostro impegno e definisce le linee guida per l’integrazione dei criteri ESG (Environmental, Social and Governance)  nelle attività di concessione di finanziamenti e prestazione di servizi di corporate e investment banking, nonché con riferimento agli investimenti in strumenti finanziari effettuati dalle società del Gruppo per conto proprio e/o della clientela (Attività di Business).
In aggiunta a principi di carattere generale applicabili a tutte le Attività di Business (ad esempio è esclusa l’operatività con società collegate alla produzione e/o commercializzazione di armi che violano i fondamentali principi umanitari, condannate per gravi violazioni dei diritti umani o reati relativi a salute e sicurezza dei dipendenti e/o gravi danni ambientali), il Gruppo ha declinato gli screening positivi e negativi in modo diverso a seconda delle varie Attività di Business.
Con riferimento ai finanziamenti a talune tipologie di investimenti proprietari, sono state, ad esempio, delineate politiche specifiche in merito a Biodiversità e Beni Esclusi, nonché a settori ritenuti sensibili sotto il profilo ESG, ovvero: difesa ed armamenti, silvicoltura e l’utilizzo di aree forestali, produzione di beni agricoli, industria mineraria, produzione, commercializzazione e consumo di energia e infrastrutture e dei trasporti.

Questionari indici ESG

Siamo inclusi in diversi indici etici e partecipiamo a vari questionari di sostenibilità, e in particolare: BLOOMBERG GENDER-EQUALITY INDEX; CDP; DOW JONES SUSTAINABILITY INDEXES; FTSE4Good; ESG IDENTITY – IGI COMPANY; ISS ESG - ISS OEKOM; MIB ESG; MSCI; STANDARD EHICS; SUSTAINALITYCS; VIGEO EIRIS.

Corso e-learning su Sostenibilità e Diritti Umani

Seconda DCNF

2017-2018

Direttiva Investimenti Responsabili

Offriamo prodotti finanziari e di credito ideati e disegnati per supportare lo sviluppo sociale e ambientale dei territori e premiano chi investe in sostenibilità.

In Mediobanca abbiamo intrapreso un percorso di trasformazione del nostro modello di business basando la crescita di medio-lungo periodo su principi di investimento responsabile.
Siamo consapevoli, infatti, che nel lungo termine le variabili che influiscono sulle valutazioni di imprese e istituzioni non possono limitarsi agli aspetti finanziari, ma devono includere anche la sfera ambientale, sociale e di buon governo societario, al fine di creare valore per l’investitore e per la società nel suo complesso. 

Forum multi - stakeholder per aggiornamento matrice di materialità

Adesione a UN Global Compact

Siamo sostenitori del Global Compact delle Nazioni Unite, un network di imprese impegnato a promuovere un insieme di principi e valori della sostenibilità nel lungo periodo attraverso azioni politiche, pratiche aziendali, comportamenti sociali e civili che siano responsabili e tengano conto anche delle future generazioni.

Prima DCNF

La Dichiarazione Consolidata di carattere Non Finanziario (DCNF) del Gruppo Mediobanca, redatta in conformità all’art.4 del D. Lgs. 254/2016, contiene informazioni relative ai temi ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei Diritti Umani e alla lotta contro la corruzione, utili ad assicurare la comprensione delle attività svolte dal Gruppo, del suo andamento, dei suoi risultati e dell’impatto prodotto.
La rendicontazione non finanziaria, presentata nella Dichiarazione, riflette il principio di materialità o rilevanza, elemento previsto dalla normativa di riferimento e caratterizzante i GRI Standards. I temi trattati all’interno della Dichiarazione sono, infatti, quelli che, a seguito all’analisi di materialità, sono stati considerati rilevanti poiché in grado di riflettere gli impatti sociali e ambientali delle attività del Gruppo o di influenzare le decisioni dei suoi stakeholder.
 

2016-2017

Funzione Group Sustainability

La funzione Group Sustainability riporta all’Amministratore Delegato e lo coadiuva nella gestione di tutte le questioni di responsabilità sociale, incluse le iniziative solidali, garantendo il corretto posizionamento del Gruppo su questi temi nelle diverse aree di riferimento.

Comitato manageriale di Sostenibilità di Gruppo

Il Comitato Manageriale di Sostenibilità è stato costituito dal Consiglio di Amministrazione con l’obiettivo di supportare l’Amministratore Delegato nel perseguimento delle sue responsabilità in ambito sostenibilità. Dato il ruolo strategico che ricopre, il Comitato è composto da figure aziendali chiave, che assicurano coerenza tra lo sviluppo del business e il raggiungimento degli obiettivi sostenibili del gruppo.Il Comitato si riunisce con cadenza bimestrale e, a seconda delle tematiche trattate, coinvolge i responsabili di specifiche funzioni.

Politica di Sostenibilità di Gruppo

Come Gruppo abbiamo adottato una strategia incentrata sulla crescita sostenibile nel tempo, la valorizzazione delle persone, la sensibilità al contesto sociale e la riduzione degli impatti ambientali diretti e indiretti.
Per perseguire i suddetti obiettivi, il Gruppo ha adottato un approccio volto a identificare, valutare, prevenire e ridurre potenziali impatti diretti in termini reputazionali e operativi, ma anche gli impatti indiretti derivanti da finanziamenti e investimenti in attività ritenute gravemente rischiose per l’ambiente e la società.
Per disciplinare il proprio impatto indiretto, il Gruppo Mediobanca ha adottato la Politica di Gruppo in materia di Finanziamenti e Investimenti Responsabili che delinea i principi generali e le linee guida per valutare i fattori non solo economici, ma anche ambientali e sociali nelle attività di finanziamento, investimento e consulenza.

Prima Matrice di materialità

Ascolto attivo degli stakeholder e priorità di business: il loro incontro ci dà la mappa temi strategici di gruppo.
La definizione dei temi prioritari (o materiali) è un passaggio essenziale non solo per la costruzione del reporting non finanziario, ma anche per la gestione dei rischi e per la pianificazione strategica di sostenibilità. Identifichiamo questi temi attraverso il processo di analisi di materialità, che si basa sull’attività di stakeholder engagement.
I temi materiali sono tutti gli aspetti che riflettono significativi impatti economici, ambientali e sociali dell’organizzazione o che potrebbero influenzare in modo sostanziale le valutazioni e le decisioni degli stakeholder.

Primo report di sostenibilità di Gruppo

Con questo primo Documento di Informativa di Gruppo sulla Sostenibilità, il Gruppo Mediobanca, da un lato comunica ai propri stakeholder l’approccio e le politiche definite sulle tematiche socio ambientali, dall’altro descrive i risultati conseguiti nello sviluppare le proprie attività in un’ottica di sostenibilità e di creazione di valore nel lungo periodo.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.

è per il risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di consumare meno energia quando il computer resta inattivo.

Per riprendere la navigazione ti basterà muovere il mouse.